Primi anni

È nato e cresciuto nel quartiere denominato “Escuela” a Río Tercero, Argentina. Anna e Hugo, genitori di Jorge, sin da piccolo lo hanno posto dinanzi all’amore per la scienza e all’emozione di vivere in un nucleo familiare. Questo ha fatto si che dopo una serie di lunghi sacrifici, Jorge, ha dedicato la tesi del Master alle sue due bambine: Valentina e Sofia.
Nell’infanzia e adolescenza si educò e collaborò nell’oratorio salesiano, “Instituto Juvenil Ceferino Namuncura”, dove si forma nella fede Catolica.
Amante dell’atletica leggera, si mette in risalto in tale disciplina, come atleta a livello nazionale e ha rappresentato il suo Paese ai Tornei Sudamericani, ottenendo un bronzo. Ottiene diverse medaglie a livello nazionale e nel 1993 batte due records della provincia di Cordoba, nei 1500 m siepi e nella staffetta 4×400 m.
I primi anni di studio li frequenta nella scuola “General Manuel Belgrano”. Nel 1990, Jorge si iscrive alla E.N.E.T General Savio a Río Tercero. Concluso gli studi liceali si iscrive alla “Escuela de Kinesiología y Fisioterapia, Facultad de Ciencias Médicas de la Universidad Nacional de Córdoba”.
Durante l’ultimo anno accademico, iniziò il tirocinio presso l’ospedale “Hospital Rawson” a Córdoba dove conobbe sua moglie, Roxana Massaccesi.
Nel 2002, appena laureato, si trasferi in Europa, in quanto vide che il suo Paese natale non poteva offrirgli ulteriori approfondimenti allo studio da lui fatto negli anni accademici, infatti l’Argentina entrava nella maggiore crisi economica della sua storia.

La sua meta fu l’Italia più precisamente Piossasco (TO).

Passione per la ricerca

Da piccolo fu amante della metodologia della ricerca inculcata dal padre, professore di matematiche, che diceva “l’osservazione è la scienza”, non per altro la sua figura si faceva presente nelle fiere delle scienze organizzate tutti gli anni dalla scuola elementare; al liceo si interesa per la ipossia-ipossica negli atleti di alto rendimento sportivo e questo fu studio particolare durante gli anni di Univesità; durante il terzo anno, frequentò un anno accademico presso la “Escuela de Tecnología Médica de la Universidad Nacional de Córdoba”, come tecnico di laboratorio, con l’obiettivo di studiare istologia e utilizzare correttamente il micorscopio (strumento che gli fu reagalato dal padre).
L’inizio non fu facile, dopo diversi anni di lavoro e studio da autodidatta dell’osteopatia, decide nel 2008 di specializzarsi su questa medicina partecipando al “Máster Universitario en Terapias Manuales”, presso l’Universidad Europea de Madrid, Spagna. Li conosce il Dr. Josuè Fernandez-Carnero (Spa) che lo guidò come direttore nel dottorato insieme al Dr. Guillermo B. Silva (Arg).
Nel 2012 finisce il Dottorato di Ricerca (PhD) presso l’Universidad Rey Juan Carlos, Madrid, con il massimo voto accademico per unanimità “APTO CUM LAUDE”. La tesi si intitola: Efectos Hipoalgésicos y Motores de la Terapia Manual en Adultos Mayores con Rizartrosis Secundaria. Il suo direttore fu il Dr. Josuè Fernandez-Carnero. Partecipò al progetto “Qualiter”, in merito alle azioni di sperimentazione nella S.L.A. Attualmente dirige diverse ricerche scientifiche. Nel 2013, conobbe il Dr. Stefano Negrini (Ita), con il quale incomincia a lavorare come Ricercatore, IRCCS Fondazione Don Gnocchi, Milan, Italia. Dr. Villafañe è attivamente coinvolta in numerosi studi clinici riguardanti l’efficacia della terapia fisica manuale nella gestione dei disturbi dell’arto superiore. Ha pubblicato più di 35 manoscritti su riviste indicizzate tra cui il Phys Ther, J Physiother, Eur Spine J, Pain Med, JOSPT, Arch Phys Med Rehabil, Spine J, Eur J Phys Rehabil Med, J Hand Ther, J Manipulative Physiol Ther, J Back Musculoskelet Rehabil, Rehabil, Occup Ther Int, Rehabil Nurs, Med Lav, J Phys Ther Sci, Hand (NY), Chiropr Man Therap e

J Med Chiropr.

Il lavoro

Con grandi dificoltà, nel 2002, inizia a lavorare in Italia, con trattamenti domiciliari, attività che tutt’ora svolge. Nel 2003 ottiene dal “Ministero della Salute” il riconoscimento del titolo di “Licenciado en Kinesiología y Fisioterapia” ai fini dell’esercizio in Italia della professione di Fisioterapista. Comincia a lavorare come libero professionista in diversi centri sanitari della provincia di Torino. Si perfeziona le tecniche neurologiche, respiratorie e traumatologiche. Nel 2004 incomincia a lavorare nel progetto “Qualiter” per malati di S.L.A fino al 2010. Alla fine del 2008 comincia a perfezionare le sue tecniche di terapie manuali presso lo studio sito in Avigliana (TO), ed Orbassano (TO) nel 2012. Nel 2010 incursiona nell’attività docente in diversi congressi nazionali ed internazionali, corsi e seminari. Nel 2013 dopo il Dottorato di Ricerca lavora come  Ricercatore, IRCCS Fondazione Don Gnocchi, Milan, Italia

.

La famiglia

Insieme alla moglie Roxana Massaccesi creano il loro nucleo familiare, dando alla luce due bambine: Valentina nel 2007 e Sofia nel 2009. Grazie ai suoi avi sia Jorge che sua moglie sono cittadini italiani.